Aromatizza i condimenti della tua cucina

A volte, una goccia di olio essenziale aggiunta alle basi delle tue preparazioni può cambiarne decisamente il gusto, regalando un’esperienza gustativa originale e sorprendente. Gli oli essenziali  (OE) andranno scelti tra quelli della categoria food.

Si possono aromatizzare i derivati del latte: yogurt, burro, formaggi e panna. Questi alimenti, contendendo una certa quantità di grassi, assorbono abbastanza bene le essenze. È il caso di mettere 1 goccia dell’OE prescelto, in un cucchiaino da tè del latticino che si vuole aromatizzare e incorporarne poi piccole quantità nella massa sino ad ottenere l’intensità desiderata. Per aggiungere colore e arricchire i sapori si possono aggiungere anche erbe aromatiche tritate o spezie.

 

 

Gli OE si sciolgono perfettamente negli oli vegetali, dando loro profumo e sapore. Oli aromatici abbastanza delicati si possono preparare con 1 o 2 gocce di OE per 100 ml di olio EVO in modo da poter avere a disposizione diversi sapori. Quantitativi maggiori di OE (3 – 8 gocce) daranno all’olio EVO caratteri organolettici più decisi.

Per ottenere quantità maggiori mettere da 5 a 10 gocce di OE per mezzo litro d’olio EVO oppure in altri oli vegetali alimentari.

Per gusti “forti” aumentare a 15 – 40 gocce in mezzo litro. Si può mescolare bene e assaggiare man mano che si aggiungono gli oli essenziali.

Gli OE più usati sono quello di Basilico, Rosmarino a cineolo, Rosmarino a borneolo, Alloro, Origano e anche Limone, consigliabile per preparare maionese e salse da condimento per crudità. Gli oli aromatici sono adatti per la preparazione di piatti di ogni genere, per condire misticanze con erbe selvatiche e insalate coltivate e per insaporire le verdure sott’olio.

Si può aromatizzare anche l’aceto, ma in questo caso, dato che gli OE non si miscelano perfettamente nell’aceto, sarà necessario agitare bene ogni volta prima dell’uso.


youtube instagram envelop mail4 google-plus google facebook twitter linkedin printer