Eleuterococco

NOME SCIENTIFICO: Eleutherococcus senticosus (Rupr. et Maxim.) Maxim.
FAMIGLIA : Araliaceae

PARTE USATA
Si utilizza prevalentemente la radice, che viene raccolta in autunno esclusivamente dalle piante adulte.

HABITAT E CARATTERISTICHE BOTANICHE

Viene spontaneo chiedersi quanta vitalità e forza racchiuda in sé Eleuterococco, per essere riuscito ad adattarsi alle severe condizioni del proprio habitat: la taiga siberiana, in cui si raggiungono i -45°C nei bui e lunghi periodi invernali o si sfiorano massimo i 15°C nelle poche settimane di luce estiva.
In un ambiente tanto proibitivo, l’arbusto di Eleuterococco può raggiunge i 2-3 metri di altezza e si riconosce per le caratteristiche foglie dentellate e spinose – senticosus in latino significa appunto “dotato di spine” -, raccolte in gruppi di cinque. In primavera spuntano i piccoli fiori: quelli femminili variano dal giallo al verde chiaro, mentre i maschili tendono al viola. Produce inoltre un frutto, costituito da piccole bacche nere ovoidali.


CURIOSITÀ E USI TRADIZIONALI

In Siberia, Eleuterococco è noto come “radice della taiga”, visto l’habitat in cui cresce. Le popolazioni locali lo usano da secoli come rimedio tonico, che permette loro di adattarsi meglio alle proibitive condizioni climatiche e migliorare la resistenza fisica alle sfide poste da questi ambienti estremi.
Già nell’antichità, l’uso curativo di questa pianta si estende bel oltre l’area russa e arriva fino in Corea e Cina. Qui, un’ode composta nel III secolo a.C. esalta le proprietà rinvigorenti di Eleuterococco, celebrato come “la meravigliosa erba che farà tornare il tuo viso giovane e prolungherà la tua vita per sempre in una cornice d’oro e gioielli”. Infatti, per la tradizione medica cinese questa radice è un grande ricostituente delle energie vitali e delle forze difensive dell’organismo: è particolarmente consigliata quando la stanchezza fisica e mentale si associa a una certa vulnerabilità a livello respiratorio, con infezioni ricorrenti o disturbi che tendono a persistere nel tempo.


PROPRIETÀ E INDICAZIONI EVIDENZIATE DALLA RICERCA MODERNA

Eleuterococco viene inizialmente designato come “Ginseng siberiano”: il fatto che appartenga alla stessa famiglia botanica del ben più noto Ginseng induce i ricercatori ad equiparare l’attività adattogena, cioè anti-stress, delle due piante. Presto però, gli studi scientifici ne delineano un profilo caratteristico e distintivo, che peraltro convalida gli usi tradizionali.
Gli effetti tonici attribuiti a questo arbusto sono apprezzabili quando il sovraccarico psico-fisico induce una forte spossatezza e un senso di malessere generale, che rende l’organismo, in particolare quello delle persone con difese deboli, ancora più debilitato e suscettibile agli attacchi di virus e batteri, soprattutto in ambito respiratorio. In questo caso, la radice di Eleuterococco ha dimostrato di potenziare la risposta immunitaria e la resistenza ai microrganismi, riducendo contemporaneamente il rischio di recidive. Contribuisce, inoltre, a migliorare la vitalità e ad aumentare la resistenza fisica: proprio per questo, è stato usato da atleti olimpici russi per migliorare le perfomances.
I suoi benefici si estendono anche alla memoria e alla capacità di concentrazione.
Infine, protegge dagli squilibri che lo stress può indurre in due ambiti chiave per il benessere fisico: modula le possibili fluttuazioni della pressione arteriosa – sia in eccesso sia in difetto – e concorre a normalizzare i livelli di zuccheri nel sangue.


USO E CONTROINDICAZIONI

Fitomedical propone Eleuterococco in diversi estratti:

• Estratto idroalcolico 1:3 – Estratto Totale: assumere 50 gocce diluite in circa mezzo bicchiere di acqua naturale, 2 volte nell’arco della giornata, meglio se al mattino e nel primo pomeriggio, a stomaco vuoto o 5-10 minuti prima del pasto

• Estratto Secco in Tavolette – EST: 1 tavoletta 2-3 volte al giorno, da assumere 5-10 minuti prima dei pasti principali

Eleuterococco è presente anche nei prodotti delle seguenti altre linee:
Eleuteropiù omeostat®, Difese – Astragalus Estratto Integrale Sinergico, EnergoMiel

È sconsigliato precauzionalmente in gravidanza, allattamento e in caso di assunzione di farmaci ipotensivi e ipoglicemizzanti.


Questo materiale è fornito esclusivamente a scopo informativo e non è assolutamente inteso come sostitutivo dell’atto medico. Pertanto, le informazioni ricevute non presentano in alcun caso natura prescrittiva o terapeutica e non devono essere utilizzate per diagnosticare o curare un disturbo o una malattia. Chiunque lo consulti è invitato ad interpellare il medico curante per domande relative al proprio stato di salute e in caso di malessere o malattia. Le notizie sulle piante qui riportate sono messe a disposizione a solo titolo informativo. Rappresentano una sintesi di informazioni desunte da diverse fonti concernenti l’uso delle piante officinali.


youtube instagram envelop mail4 google-plus google facebook twitter linkedin printer
0
    0
    Carrello
    Il carrello è vuotoRitorna al negozio